TRILUSSA – LA MASCHERA

TRILUSSA – LA MASCHERA

TRILUSSA
TUTTE LE POESIE
ARNOLDO MONDADORI EDITORE
I EDIZIONE: NOVEMBRE 1951

Interpretata da Luigi Maria Corsanico

Respighi – Gli Uccelli
“La Gallina”
Buchmann-Mehta School of Music Orchestra
Conductor: Yi-An Xu

~~~~~~

Vent’anni fa m’ammascherai pur’io!
E ancora tengo er grugno de cartone
che servì p’annisconne quello mio.
Sta da vent’anni sopra un credenzone
quela Maschera buffa, ch’è restata
sempre co’ la medesima espressione,
sempre co’ la medesima risata.
Una vorta je chiesi: — E come fai
a conservà lo stesso bon umore
puro ne li momenti der dolore,
puro quanno me trovo fra li guai?
Felice te, che nun te cambi mai!
Felice te, che vivi senza core! —
La Maschera rispose: — E tu che piagni
che ce guadagni? Gnente! Ce guadagni
che la gente dirà: Povero diavolo,
te compatisco… me dispiace assai…
Ma, in fonno, credi, nun j’importa un cavolo!
Fa’ invece come me, ch’ho sempre riso:
e se te pija la malinconia
coprete er viso co’ la faccia mia
così la gente nun se scoccerà… —
D’allora in poi nascónno li dolori
de dietro a un’allegria de cartapista
e passo per un celebre egoista
che se ne frega de l’umanità!

TRILUSSA – LO SCIALLETTO

TRILUSSA – LO SCIALLETTO
da:
TRILUSSA
LIBRO MUTO – ED. MONDADORI –
MILANO, I EDIZIONE 1935


Lettura di Luigi Maria Corsanico


Nino Rota – Valzer ai Laghi

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Cor venticello che scartoccia l’arberi

       entra una foja in cammera da letto.

       È l’inverno che ariva e, come ar solito,

       quanno passa de qua, lascia un bijetto.

5        Jole, infatti, me dice: “Stammatina

       me vojo mette quarche cosa addosso;

       nun hai sentito ch’aria frizzantina?”

       E cava fôri lo scialletto rosso,

       che sta riposto fra la naftalina.

10        “M’hai conosciuto proprio co’ ’sto scialle:

       te ricordi?” me chiede: e, mentre parla,

       se l’intorcina stretto su le spalle.

       “S’è conservato sempre d’un colore:

       nun c’è nemmeno l’ombra d’una tarla!

15        Bisognerebbe ritrovà un sistema,

       pe’ conservà così pure l’amore…”

       E Jole ride, fa l’indiferente:

       ma se sente la voce che je trema.

TRILUSSA – DUE POESIE

TRILUSSA
L’OMO FINTO da: Trilussa, La Gente, Milano, A. Mondadori, 1927
ER COMPAGNO SCOMPAGNO da: Trilussa Favole Romanesche , Roma – Enrico Voghera editore 1904


Intrepretate da Luigi Maria Corsanico


Respighi – Gli Uccelli
“La Gallina”
Buchmann-Mehta School of Music Orchestra
Conductor: Yi-An Xu

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

L’OMO FINTO

Dice che un giorno un Passero innocente
giranno intorno a un vecchio Spauracchio
lo prese per un Omo veramente;
e disse: – Finarmente
potrò conosce a fonno
er padrone der monno! –
Je beccò la capoccia, ma s’accorse
ch’era piena de stracci e de giornali.
Questi – pensò – saranno l’ideali,
le convinzioni, forse:
o li ricordi de le cose vecchie
che se ficca nell’occhi e ne l’orecchie.
Vedemo un po’ che diavolo cià in core…
Uh! quanta paja! Apposta pija foco
per così poco, quanno fa l’amore!
E indove sta la fede?
e indove sta l’onore?
e questo è un omo? Nun ce posso crede…
Certe vorte, però, lo rappresento,
disse lo Spauracchio – e nun permetto
che un ucello me manchi de rispetto
cór criticamme quello che ciò drento.
Devi considerà che se domani
ognuno se mettesse a fa’ un’inchiesta
su quello che cià in core e che cià in testa,
resteno più pupazzi che cristiani.

ER COMPAGNO SCOMPAGNO

Un Gatto, che faceva er socialista
solo a lo scopo d’arivà in un posto,
se stava lavoranno un pollo arosto
ne la cucina d’un capitalista.
Quanno da un finestrino su per aria
s’affacciò un antro Gatto: – Amico mio,
pensa – je disse – che ce so’ pur’io
ch’appartengo a la classe proletaria!
Io che conosco bene l’idee tue
so’ certo che quer pollo che te magni,
se vengo giù, sarà diviso in due:
mezzo a te, mezzo a me… Semo compagni!

No, no: – rispose er Gatto senza core
io nun divido gnente co’ nessuno:
fo er socialista quanno sto a diggiuno,
ma quanno magno so’ conservatore!