TRILUSSA – LO SCIALLETTO

TRILUSSA – LO SCIALLETTO
da:
TRILUSSA
LIBRO MUTO – ED. MONDADORI –
MILANO, I EDIZIONE 1935


Lettura di Luigi Maria Corsanico


Nino Rota – Valzer ai Laghi

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Cor venticello che scartoccia l’arberi

       entra una foja in cammera da letto.

       È l’inverno che ariva e, come ar solito,

       quanno passa de qua, lascia un bijetto.

5        Jole, infatti, me dice: “Stammatina

       me vojo mette quarche cosa addosso;

       nun hai sentito ch’aria frizzantina?”

       E cava fôri lo scialletto rosso,

       che sta riposto fra la naftalina.

10        “M’hai conosciuto proprio co’ ’sto scialle:

       te ricordi?” me chiede: e, mentre parla,

       se l’intorcina stretto su le spalle.

       “S’è conservato sempre d’un colore:

       nun c’è nemmeno l’ombra d’una tarla!

15        Bisognerebbe ritrovà un sistema,

       pe’ conservà così pure l’amore…”

       E Jole ride, fa l’indiferente:

       ma se sente la voce che je trema.

TRILUSSA – DUE POESIE

TRILUSSA
L’OMO FINTO da: Trilussa, La Gente, Milano, A. Mondadori, 1927
ER COMPAGNO SCOMPAGNO da: Trilussa Favole Romanesche , Roma – Enrico Voghera editore 1904


Intrepretate da Luigi Maria Corsanico


Respighi – Gli Uccelli
“La Gallina”
Buchmann-Mehta School of Music Orchestra
Conductor: Yi-An Xu

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

L’OMO FINTO

Dice che un giorno un Passero innocente
giranno intorno a un vecchio Spauracchio
lo prese per un Omo veramente;
e disse: – Finarmente
potrò conosce a fonno
er padrone der monno! –
Je beccò la capoccia, ma s’accorse
ch’era piena de stracci e de giornali.
Questi – pensò – saranno l’ideali,
le convinzioni, forse:
o li ricordi de le cose vecchie
che se ficca nell’occhi e ne l’orecchie.
Vedemo un po’ che diavolo cià in core…
Uh! quanta paja! Apposta pija foco
per così poco, quanno fa l’amore!
E indove sta la fede?
e indove sta l’onore?
e questo è un omo? Nun ce posso crede…
Certe vorte, però, lo rappresento,
disse lo Spauracchio – e nun permetto
che un ucello me manchi de rispetto
cór criticamme quello che ciò drento.
Devi considerà che se domani
ognuno se mettesse a fa’ un’inchiesta
su quello che cià in core e che cià in testa,
resteno più pupazzi che cristiani.

ER COMPAGNO SCOMPAGNO

Un Gatto, che faceva er socialista
solo a lo scopo d’arivà in un posto,
se stava lavoranno un pollo arosto
ne la cucina d’un capitalista.
Quanno da un finestrino su per aria
s’affacciò un antro Gatto: – Amico mio,
pensa – je disse – che ce so’ pur’io
ch’appartengo a la classe proletaria!
Io che conosco bene l’idee tue
so’ certo che quer pollo che te magni,
se vengo giù, sarà diviso in due:
mezzo a te, mezzo a me… Semo compagni!

No, no: – rispose er Gatto senza core
io nun divido gnente co’ nessuno:
fo er socialista quanno sto a diggiuno,
ma quanno magno so’ conservatore!