Jorge Luis Borges – Assenza

Jorge Luis Borges – Assenza
Fervore di Buenos Aires (Milano, Adelphi 2010)
Traduzione di Tommaso Scarano
Lettura di Luigi Maria Corsanico

“Moon”, musica di Koichi Kishi
Yuki Hirano, violino
Toshihide Temma, chitarra

~~~~~~~~~~~

Dovrò di nuovo erigere la vasta vita,
specchio di te ancora:
dovrò ricostruirla ogni mattina.
Ora che non ci sei,
quanti luoghi son diventati vani
e senza senso, uguali
a lampade di giorno.
Sere che ti hanno accolto come nicchie,
musiche dove trovavo te ad attendermi,
parole di quel tempo,
dovrò distruggervi con queste mani.
In quale baratro potrò celare l’anima
perché non veda la tua assenza,
fulgida come un sole orribile
che non tramonta mai, spietata, eterna?

La tua assenza mi sta attorno
come la corda al collo,
come il mare a chi affoga.

Charles Baudelaire – Aggiornamenti

Aggiornamenti: Charles Baudelaire / Les Fleurs du Mal

Traduzione di Marcello Comitini

Spleen LX

Sono pieno di ricordi come avessi mille anni.

L’albatro

Spesso per divertirsi, gli uomini d’equipaggio catturano degli albatri…

Elevazione

Al di sopra di laghi e di montagne…

La morte

La morte degli amanti / La morte dei poveri / La morte degli artisti

LXII Spleen

Quando il cielo basso e cupo pesa…

L’uomo e il mare

Uomo libero, sempre amerai il mare!

La musica

La musica talvolta m’avvolge come un mare!

L’ennemi

Ma jeunesse ne fut qu’un ténébreux orage…

Il nemico

Fu la mia giovinezza una tempesta oscura…

Canto d’autunno

Piomberemo a breve nelle fredde tenebre.

La Bellezza

Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra…

L’irrimediabile

Un Essere, una Forma, un’Idea…

Tristezze della luna

Questa sera la luna più languida sogna.

A una passante

Intorno mi assordava la strada con clamore.

MARCELLO COMITINI – L’ATTORE

Marcello Comitini
l’ATTORE ©settembre 2020

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Paul Hindemith: Organ Sonata No.2 (1937) – 3. Fuge · Peter Hurford

immagine dal web di proprietà dell’autore

~~~~~~~~~~~

L’occhio di luce sospeso nel buio
mi segue, ostinato mi avvolge
nella sua vampa
proietta ai miei piedi
l’ombra sfocata di un uomo.
Sui miei lineamenti
un angelo e un demone tracciano
un me e un altro da me.
Gesticolo rido pronuncio
parole come se fossero mie.
Piango con tutto il cuore
le lacrime versate da un’ombra.
Esulto, frugo nell’intimo
di un io sconosciuto
scambio le parti
tra l’essere io e il mio essere un altro.
Gridano tracimano
l’uno nell’altro s’azzuffano
appaiono insieme bifronti
mi donano la sensazione
d’essere il dio di qualcuno o qualcosa.
Ho il volto dell’uomo
che sente in sé il desiderio potente
di violentare la morte.
Arreso alla mia pluralità mi perdo
trascinato nell’altrove
del tempo e della mente.
Dietro le quinte
mi guardo attentamente allo specchio
mi meraviglio
di non avere volto, soltanto un ricordo
e il mio sguardo che brucia.
Ritento ogni battuta,
mimo ogni scena.
Ma è un caos vivente di voci
uno stillicidio di memorie e di sentimenti
che appartengono a un altro
o a quel me stesso svelato in mille altri volti.
Dal palcoscenico li ho visti.
Spettatori sospesi nel buio
del finito evento
che ha rapito i loro animi.
Si alzano
voltano le spalle, si allontanano
parlano a voce bassa,
commentano tra loro
a mente ebbra di commozione
le parole del demone e dell’angelo.
Scompaiono dalle porte in fondo al teatro.

Nel silenzio
mi concedo una muta ricompensa.
Cerco a memoria nei loro visi
la sagoma dispersa del mio volto.

l’ATTORE – Marcello Comitini © settembre 2020

Boris Vian – Non vorrei crepare

Boris Vian – Non vorrei crepare
(traduzione di G.A. Cibotto)
Je voudrais pas crever
J.- J. Pauvert, 1962

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Erik Satie – Gnossienne no. 1 for Alto Flute and Piano
Paolo Bertolotto – Piano
Luke Pickman – Alto flute

~~~~~~~

Non vorrei crepare
Prima d’aver conosciuto
I cani neri del Messico
Che dormono senza sognare
Le scimmie dal culo pelato
Divoratrici di fiori tropicali
I ragni d’argento
Dal nido pieno di bolle
Non vorrei crepare
Senza sapere se la luna
Dentro la faccia di vecchia moneta
Abbia una parte appuntita
Se il sole è freddo
Se le quattro stagioni
Siano poi veramente quattro
Senza aver tentato
Di sfoggiare un vestito
Lungo i grandi viali alberati
Senza aver contemplato
La bocca delle fogne
Senza aver ficcato il cazzo
In certi angoli bizzarri
Non vorrei crepare
Senza conoscere la lebbra
O le sette malattie
Che si prendono laggiù
Il buono e il cattivo
Non mi tormenterebbero
Se sapessi
Che ci sarà una prima volta
E troverò pure
Tutto ciò che conosco
Tutto ciò che apprezzo
E sono sicuro mi piace
Il fondo verde del mare
Dove ballano i filamenti delle alghe
Sulla sabbia ondulata
La terra bruciata di giugno
La terra che si screpola
L’odore delle conifere
E i baci di colei
Che mi fa stravedere
La bella per essenza
Il mio Orsacchiotto, Orsola
Non vorrei crepare
Prima d’aver consumato
La sua bocca con la mia bocca
Il suo corpo con le mie mani
Il resto coi miei occhi
Non dico altro bisogna
Restare umili
Non vorrei crepare
Prima che abbiano inventato
Le rose eterne
La giornata di due ore
Il mare in montagna
La montagna al mare
La fine del dolore
I giornali a colori
La felicità dei ragazzi
E tante cose ancora
Che dormono nei crani
Degli ingegneri geniali
Dei giardinieri allegri
Di socievoli socialisti
Di urbani urbanisti
E di pensatori pensierosi
Tante cose da vedere
Da vedere e da sentire
Tanto tempo da aspettare
Da cercare nel nero
E io vedo la fine
Che brulica e che arriva
Con la sua gola schifosa
E che m’apre le braccia
Da rana storpia
Non vorrei crepare
Nossignore nossignora
Prima d’aver assaporato
Il piacere che tormenta
Il gusto più intenso
Non vorrei crepare
Prima di aver gustato
Il sapore della morte…

Marcello Comitini – a bassa voce

Marcello Comitini
a bassa voce
©2020

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Gaetano Cellini
“L’umanità contro il male” (1908)
Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma

Ludwig van Beethoven – Symphony No.7 – Allegretto
Liszt Transcription / Glenn Gould

~~~~~~~~~~

Marcello Comitini
a bassa voce ©2020

Coloro che scrivono versi intrecciandoli di speranze
come alberi sontuosi e sottane di luce
e augurano a tutti una vita assolutamente nuova
parlino pure a voce alta.
Tu che sei arso dal lungo fuoco del disinganno
che sei meno di quel che pensi
e sei meno di te stesso parla a bassa voce.
Ancora non sai
cosa sia l’assenza, la paura, l’ansia.
Parla a bassa voce.
Un’acqua che brucia scende dagli occhi
un’aria fetida nei polmoni ha invaso
lunghe file di uomini poi svaniti
lungo corsie desolate.
Sai cos’è il dolore la disperazione il lutto?
Parla a bassa voce.
Il silenzio tesse trame di panico e d’angoscia.
Affondano le unghie nel petto
soffocano i battiti di coloro
che sono separati per sempre
condannati
nelle prigioni fredde vaganti nell’infinito.
Parla a bassa voce. Usa la poesia
per consolare le lacrime
di coloro che guardano le lunghe file dei morti.
Scrivi pacatamente.
Fai trasparire dai versi una stella a coloro
che sono rinchiusi
nella scatola delle quattro pareti
con le mani e il cuore legati
dalla disperazione e dal lutto.

Cesare Pavese – Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

Cesare Pavese
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

Edizione di riferimento:
Cesare Pavese, Verrà la morte e avrà i tuoi occhi
Giulio Einaudi editore, Torino 1951


Voce recitante e pianoforte : Luigi Maria Corsanico
(Sweet Revenge, Ryuichi Sakamoto)

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi-
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda, come un vecchio rimorso
o un vizio assurdo. I tuoi occhi
saranno una vana parola
un grido taciuto, un silenzio.
Così li vedi ogni mattina
quando su te sola ti pieghi
nello specchio. O cara speranza,
quel giorno sapremo anche noi
che sei la vita e sei il nulla.

Per tutti la morte ha uno sguardo.
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.
Sarà come smettere un vizio,
come vedere nello specchio
riemergere un viso morto,
come ascoltare un labbro chiuso.
Scenderemo nel gorgo muti.

22 Marzo 1950

Cesare Pavese – The cats will know

Cesare Pavese
The cats will know

Edizione di riferimento:
Cesare Pavese, Verrà la morte e avrà i tuoi occhi, Giulio Einaudi editore, Torino 1951


Lettura di Luigi Maria Corsanico


Paolo Conte – “Razmataz”, Guitars

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Ancora cadrà la pioggia
sui tuoi dolci selciati,
una pioggia leggera
come un alito o un passo.
Ancora la brezza e l’alba
fioriranno leggere
come sotto il tuo passo,
quando tu rientrerai.
Tra fiori e davanzali
i gatti lo sapranno.

Ci saranno altri giorni,
ci saranno altre voci.
Sorriderai da sola.
I gatti lo sapranno.
Udrai parole antiche,
parole stanche e vane
come i costumi smessi
delle feste di ieri.

Farai gesti anche tu.
Risponderai parole –
viso di primavera,
farai gesti anche tu.

I gatti lo sapranno,
viso di primavera;
e la pioggia leggera,
l’alba color giacinto,
che dilaniano il cuore
di chi più non ti spera,
sono il triste sorriso
che sorridi da sola.
Ci saranno altri giorni,
altre voci e risvegli.
Soffriremo nell’alba,
viso di primavera.

Aprile 1950

Cesare Pavese – The night you slept

Cesare Pavese
The night you slept

Edizione di riferimento:
Cesare Pavese, Verrà la morte e avrà i tuoi occhi, Giulio Einaudi editore, Torino 1951
Voce recitante e pianoforte: Luigi Maria Corsanico

~~~~~~~~

Anche la notte ti somiglia,
la notte remota che piange muta,
dentro il cuore profondo,
e le stelle passano stanche.
Una guancia tocca una guancia ‒
è un brivido freddo, qualcuno
si dibatte e t’implora, solo,
sperduto in te, nella tua febbre.

La notte soffre e anela l’alba,
povero cuore che sussulti.
O viso chiuso, buia angoscia,
febbre che rattristi le stelle,
c’è chi come te attende l’alba
scrutando il tuo viso in silenzio.
Sei distesa sotto la notte
come un chiuso orizzonte morto.
Povero cuore che sussulti,
un giorno lontano eri l’alba.
4 aprile ’50

Cesare Pavese – Ogni notte, tornando dalla vita

Cesare Pavese – Ogni notte, tornando dalla vita
[14 maggio 1928]
da “Prima di «Lavorare stanca » (1923-1930)”, in “Cesare Pavese, Le poesie”, Einaudi, Torino, 1998


Lettura di Luigi Maria Corsanico


Scriabin – Prelude Op. 11 No. 4 in E minor

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Ogni notte, tornando dalla vita,
dinanzi a questo tavolo
prendo una sigaretta
e fumo solitario la mia anima.
La sento spasimare tra le dita
e consumarsi ardendo.
Mi sale innanzi agli occhi con fatica
in un fumo spettrale
e mi ravvolge tutto,
a poco a poco, d’una febbre stanca.
I rumori e i colori della vita
non la toccano piú:
sola in sé stessa è tutta macerata
di triste sazietà
per colori e rumori.
Nella stanza è una luce violenta
ma piena di penombre.
Fuori, il silenzio eterno della notte.
Eppure nella fredda solitudine
la mia anima stanca
ha tanta forza ancora
che si raccoglie in sé
e brucia d’un’acredine convulsa.
Mi si contrae fra mano,
poi, distrutta, si fonde e si dissolve
in una nebbia pallida
che non è piú se stessa
ma si contorce tanto.
Cosí ogni notte, e non mi vale scampo,
in un silenzio altissimo,
io brucio solitario la mia anima.