Marcello Comitini – Lettera a…

Marcello Comitini – Lettera a… © 06/01/2021

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Particolare da: Uomo che scrive una lettera (1660)
Jacob Levecq

MEDITATION – Paul HINDEMITH
Viola – Flora VAN LEEUWEN
Piano – Marc VAN MOERKERCKE

~~~~~~~~

Lettera a …

Da anni ti attendo in silenzio. Tu vieni
quando vorrai. So che verrai. Sei
la terra su cui poggio i piedi
il ramo da cui guardo il mondo.
Ma il giorno in cui mi sarai accanto
come una madre raramente amata
con l’agonia del figlio tra le braccia
non riuscirò a vederti. Ti sentirò soltanto.
A bocca spalancata e muta ti dirò eccomi.
Basta il movimento delle labbra. Le parole
non servono. Sorda ad ogni voce
umana o non umana
sollecita soltanto ai sospiri dell’anima.
I tuoi occhi volti all’indietro
nel non luogo della notte
mi riconoscono. Mi chiamerai per nome?
Quando verrai sarà un giorno tranquillo
simile a quello che mi ha visto nascere.
Nelle luci soffuse il parlare sottovoce
di uno sparuto coro accoglierà il tuo arrivo.
Un sommesso lamento qualche lacrima lenta.
Mi sarà data in dono
come Orfeo a Euridice
una rosa da custodire tra le mie mani sul petto.
E tu in piedi davanti al mio corpo
disteso sulla terra bianca delle lenzuola
somiglierai al mio sogno di donna
che mai mi ha stretto tra le sue braccia.
Quando verrai il tuo sorriso sarà l’invito
a rifugiarmi tra le tue. Sono fredde
ma mi faranno fremere perché è da tempo
che attendo di ricongiungermi
al buio caldo e umido del tuo corpo.
Vieni quando vorrai.
Sarai la serenità che ho atteso per aprire le ali.

Marcello Comitini – Lettera a… © 06/01/2021

24 pensieri su “Marcello Comitini – Lettera a…”

  1. Come sempre Luigi riesce a dare vita alle mie parole. Le pronuncia con la medesima intonazione e con la medesima passione con le quali io le recito nella mia mente mentre scrivo. Ritengo che la sua lettura sia essenziale per chi lo ascolta: permette una comprensione ricca di pathos, esattamente quella che è mia intenzione comunicare ai lettori.
    Sono infinitamente grato a questo grande amico, che ha la pazienza di porre il suo animo a fianco del mio.

    Piace a 3 people

    1. Grazie a te, Marcello, come sempre e anche di più mi emozionano i tuoi versi nel leggerli – e leggere dentro se stessi, con una profondità che a volte spaventa ma infine quieta ; non è rassegnazione, ma accettazione serena e anche desiderata. Un grazie particolarmente sentito e un forte abbraccio, caro Amico!
      Luigi

      Piace a 1 persona

  2. Bellissimi versi che ci aiutano ad accettare il passaggio dalla vita alla morte. La tua lettura esalta il senso di intimità tra l’uomo e la morte stessa vista come il momento in cui di compie la nostra completa realizzazione.

    Piace a 2 people

  3. Per me che ho fede nessuna paura o tristezza da parte mia nell’ascoltare i versi di Marcello solo tanta serenità. Grazie, siete sempre la coppia vincente e scusate se mi ripeto ma non so esprimere in altro modo quello che sento.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...