Raffaello Baldini – Viaggiare

Raffaello Baldini
(Santarcangelo di Romagna, 1924 – Milano, 2005)
Viaggiare
da: La Nàiva Furistír Ciacri / Viazè
in: Raffaello Baldini
Piccola antologia in lingua italiana
A cura di Ermanno Cavazzoni e Daniele Benati
Compagnia Extra, 2018


Lettura di Luigi Maria Corsanico


Nino Rota
Tema dal film Amarcord
New York Philharmonic Orchestra
Dir. Alan Gilbert

Viaggiare

Ma viaggia tu, io sto bene dove sono,
che vengono da fuori, qui, poi c’è Sogliano,
Verucchio, Perticara, che non ci sono mai stato
a Perticara, neanche tu? ma allora
cosa vai a cercare in giro, che io, solo il letto
forestiero, il cuscino, che se non ho il mio,
poi tutto, vai via col sole, arrivi che piove,
non conosci nessuno, devi sempre chiedere,
e le gambe quando è notte,
vedere il mondo?
che dopo sei più coglione di prima,
mi ricordo Curio, con quel viaggio a Londra,
una cagnara, poi è tornato, e il giorno dopo
giocavamo a boccette, che pareva
fosse stato a San Vito, e adesso dice che va in Kenia,
ci vuole una bella voglia, e tu dove vai?
a Montecarlo e a Nizza? hai capito,
e tutta la Costa Azzurra, quanto stai fuori,
dieci giorni? ma cosa vuoi che provi, lo so già,
sta’ buono, fare la valigia,
portarsela dietro, che io la domenica in piazza
mi dà fastidio il giornale, e poi il mangiare,
mi diceva Curio, tutta roba fritta,
una puzza, l’agnello con la marmellata,
gli spaghetti che ci bevono dietro il caffelatte,
e io che sono un viziato, no, neanche a parlarne,
sto a casa mia, meglio di qui?

che poi viaggio anch’io, arrivo da Carghín,
vado al gioco delle bocce,
che non gioca più nessuno, è tutto pieno di foglie,
ma a me piacciono anche i posti dove non succede niente,
dentro si sente suonare un flipper,
i passerotti che erano scappati via ritornano,
c’è quel manifesto sempre penzoloni
al muro di Canzola, «Viva… », viva che?
e lui ride, cosa ridi? che d’estate
quando vedo quei disgraziati, la Rocca, l’Arco
la Pieve, tutti sudati, io lì avrei voglia
di fermarli, venite con me, ai Cappuccini,
il giro delle mura, piano, in mezzo all’erba,
e ogni tanto una sosta, c’è una salitella,
basta allungare una mano, delle susine
più dolci del miele, i frati non le raccolgono,
poi, verso Savignano, il viale,
dei cipressi, un odore, e in fondo niente,
si esce nell’erba spagna, che di lí
delle volte, già che ci sono, per i campi
calo giù nel Marecchia,
uno slargo, vai dove ti pare, e tutti quei sassi,
ma ce n’è che hanno dei colori,
rilucono, sott’acqua, queste sono le città!
o sono balengo? e piú in là due bambine
con un gran mazzo di fiori gialli, ridono, corrono,
a piedi nudi, sui sassi, ma come fanno?

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Viazè

Mo viaza tè, mè a stag bén dò ch’a so,
ch’i vén fura, aquè, pu u i è Suièn,
Vrócc, la Pargàia, ch’a n’i so mai stè
ma la Pargàia, gnénca tè? mo ‘lòura
csa vét zarchè vaiéun, che mè sno e’ lèt
furistír, e’ cuscéin, che s’a n’ò e’ méi,
pu tótt, t vé véa se sòul, t’aréiv ch’e’ pióv,
ta n cnòss niseun, u t tòcca dmandè sémpra,
e al gambi quant l’è nòta,
vdai e’ mònd?
Che dop t si piò pataca ca né préima,
a m’arcórd Curio, sa che viàz a Lòndra,
‘na boba, pu l’è tòuran, e e’ dè dop
a zughémmi a bucètti, ch’e’ pareva
ch’ fóss stè a San Véid, e adès dis ch’e’ va in Kenia,
u i vó una bèla vòia, e tè dú vét?
A Montecarlo e a Nizza? t’é capéi,
e tótt’ la Costa Azzurra, quant t sté fura?
dis dè? mo ’s’ut ch’a próva, ch’a l so zà,
‘ta bón, fè la valéisa,
purtèsla dri, che mè la dmènga in piaza
u m dà dan e’ giurnèl, e pu e’ magnè,
u m géva Curio, tótta roba frétta,
una pózza, l’agnèl sla marmelèda,
i spaghétt ch’i i bai dri e’ cafelàt,
e mè ch’a so un viziéd, no, gnénca zcòrrni,
a stagh ma chèsa méa, piò bén che mai,

che pu a viàz ènca mè, aréiv da Carghín,
a vagh me zugh dal bòci,
ch’i n zuga piò niseun, l’è tótt pin ’d fòi,
mo mè u m pis ènca i póst ch’u n suzéd gnént,
dréinta u s sint sunè un flipper,
i pasarótt ch’i era scap véa i artòurna,
u i è che manifèst sémpra spandléun
me méur ’d Canzola, «Viva… », viva chè ?
e léu e’ réid, csa réidti? che d’instèda
quant a vèggh chi sgraziéd, la Roca, l’Èrch,
la Piva, tótt sudéd, mè ’lè avrébb vòia
da farmèi, vní sa mè, mi Capuzéin,
e’ zéir dla méura, pièn, tramèza l’erba,
e d’ogni tènt punsès, u i è un rapètt,
basta slunghè una mèna, dal suséini
piò dòulzi ca nè e’ mél, i frè i n li còi,
pu, vérs Savgnèn, e’ vièl,
di arzipréss, un udòur, e in chèva gnént,
u s scapa tla spagnèra, che d’alè,
dal vólti, zà ch’ a i so, travérs cantír,
a cal zò te Marèccia,
un slèrgh, t vé do ch’u t pèr, e tótt chi sas,
mo u i n’è ch’i à di culéur,
i léus, sòtt’aqua, quèsti l’è al zità!
o a so balèngh? e piò in là do burdèli,
s’un gran maz ad fiéur zal, al réid, al córr,
a pi néud, sòura i sas, mo cmè ch’al fa?

14 pensieri su “Raffaello Baldini – Viaggiare”

  1. eh Luigi, stavolta ti sei superato, qua e là anche l’accenno della cadenza romagnola su dei versi che sono quasi un cortometraggio…felicissima pure la scelta musicale…che dirti grazie!
    di Baldini sto giusto aspettando un libro acquistato dietro suggerimento di Almerighi, certo che dalle premesse che ho ben apprezzato sarà una piacevole lettura.
    un abbraccio!

    Piace a 1 persona

    1. Grazie Daniela, ho cercato di interpretare proprio come in un corto.
      La cadenza viene spontanea e il sottofondo musicale ….inevitabile.
      Forse si tratta del libro che ho segnalato a Flavio: “Raffaello Baldini
      Piccola antologia in lingua italiana”. Avevo chiesto di chi fosse la traduzione dal “dialetto” e così, cercando ho trovato questa edizione con 23 poesie, tradotte dallo stesso Baldini.
      Un abbraccio!
      Luigi

      Piace a 2 people

  2. Ripeto il commento che ho scritto su youtube:
    Di chi parla vediamo anche gli occhi che brillano un po’ ironici e in fondo all’iride riflettono la perplessità del suo muto interlocutore. Il tono, la cadenza! Luigi, qui non leggi. Narri una scena di due personaggi che la tua voce ci fa vedere, forse seduti dinnanzi al bar o sulle poltrone di un vecchio salotto stile liberty con mobili marroncino chiaro e ricami sotto gli steli di lampade poggiate su tavolinetti accostati alle poltrone. E un quotidiano ordinatamente ripiegato e poggiato su un tavolino fra i due, perché già letto sino in fondo. Hai illuminato un mondo di immagini di sensazioni di ricordi di quando i nostri vecchi ci onoravano della loro presenza. Sempre grazie.

    Piace a 2 people

    1. E va bene…. oggi avevo proprio bisogno di commuovermi, di piangere, pure, e ci siete riusciti! Grazie! Tu poi, carissimo Marcello, come sempre, oggi ancor di più, se possibile, sottolinei, nel commento, passaggi di vita vissuta in un mondo che si allontana fisicamente da questo presente, così arido e volgare e violento, ma ancora nei cuori di chi, come noi l’ha in parte vissuto e sentito raccontare da altri secoli ( mio nonno paterno classe 1863, mio padre, 1906…). Un forte abbraccio! Luigi

      Piace a 2 people

      1. Luigi, dici che certi tempi li abbiamo sentiti raccontare da altri secoli. E citi tuo nonno classe 1863 e tuo padre 1906. Pensa che io non li ho sentiti da altri secoli perché mio padre era classe 1861 e mia madre 1906. Quei secoli mi hanno accompagnato sino al 1977 . Sono stati il mio mondo, Nel quale certamente sono cresciuto con enorme disagio, tristezza, rigore e paura. .

        Piace a 2 people

  3. Sono lieto di averti “ispirato” questa lettura: Baldini per me è stato uno dei più grandi poeti italiani del Novecento, anche se, come vedi, il dialetto santarcangiolese è praticamente imperforabile anche per noi romagnoli attigui; proprio ieri, durante una lunga attesa in pronto soccorso ne ho lette alcune tra cui questa. Grazie.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...